Trailer per “Parla, Clitemnestra” di Lea Barletti, Udine, Villa Manin, luglio 2020, anteprima nazionale al Todi Off Festival il 3 settembre

Barletti/Waas
 PARLA, CLITEMNESTRA!
(se di parole fosse fatto il mondo)  di Lea Barletti

IMG-4781.JPG

(ph.Francesca Del Guercio)
con Gabriele Benedetti e Simona Senzacqua

Regia Barletti/Waas
dur. 1h 20’

Anteprima nazionale nell’ambito del Todi Off #4 a cura di Teatro di Sacco

GIOVEDì 3 Settembre 2020 ore 19:00presso TEATRO NIDO DELL’AQUILA
ingresso gratuito

Organizzatrice
BiancaMaria Cola: 3206236109 – bianca@teatrodisacco.itUfficio Stampa
Nicola Conticello: nicola.conticello@yahoo.it – 3271428003, Marco Giovannone 3470370102

Spettacolo prodotto grazie al contributo delle residenze artistiche presso:Florian Metateatro Centro di Produzione Teatrale (Pescara), CSS (Udine), Fivizzano27 (Roma), Matemù (Roma)

Foto di scena/riprese video: Francesca del Guercio

Le donne nella tragedia greca sono, tranne poche eccezioni, sottomesse e marginali.
Oppure ribelli, ma allora folli e pericolose, furie vendicatrici incontrollabili. La loro
sembra una condizione senza via di uscita: o si adeguano ad una società che le vuole
inferiori e sottoposte, o vi si oppongono, ma in maniera talmente violenta o
comunque talmente eccezionale che da tale società vengono comunque espulse,
rigettate come corpo estraneo: da marginali ad emarginate. Sembra essere il metodo
con il quale la rappresentazione patriarcale perpetra se stessa e il proprio potere: la
donna che esce dal seminato, che si fa artefice del proprio destino, che si fa pari
all’uomo per coraggio e violenza, è per ciò stesso mostruosa e, soprattutto,
pericolosa, per la famiglia e per la società: per la Polìs. Va condannata, eliminata,
bandita. Perché non è, come diceva Aristotele, nella natura delle cose che una donna
si renda pari all’uomo, in coraggio, forza, indipendenza.
“Parla, Clitemnestra!” nasce dall’esigenza ancora oggi più che mai urgente di un
diverso pensiero sul potere, sul suo uso ed abuso, sui rapporti di forza tra i sessi e tra
gli esseri umani in generale.

Barletti/Waas (Lea Barletti e Werner Waas) si sono conosciuti molti anni fa a Roma.
Da allora vivono e lavorano insieme, prima a Roma, poi a Monaco di Baviera, quindi
a Lecce e attualmente a Berlino. Sono solitamente sia interpreti che registi dei loro
spettacoli, Barletti da qualche anno anche autrice. Per la prima volta dalla nascita del
loro sodalizio, nello spettacolo Parla, Clitemnestra! non è in scena nessuno dei due,
avendo scelto di affidare il testo di Barletti, e la testimonianza della loro ricerca
intorno alla parola in quanto azione scenica, agli attori-autori Gabriele Benedetti e Simona Senzacqua


Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *